Ortodonzia: cos’è e professionisti su Roma

Avere un sorriso curato e smagliante è il sogno di tutti noi, dopo tutto si sa il sorriso è il primo biglietto da visita. In alcuni casi avere dei denti compromessi può scaturire un vero e proprio disagio soprattutto quando ci si trova in pubblico, tendendo a nasconderli nel migliore dei modi .Tuttavia forse non tutti sanno che avere dei denti non perfettamente allineati o con delle occlusioni non portano solo ad avere problemi a livello sociale ma possono andare a compromettere la salute dentale, portando a delle conseguenze anche gravi. Fortunatamente l’ortodonzia si rivela una vera e propria arma contro questi piccoli problemi, grazie anche all’evoluzione delle diverse tecniche sempre più all’avanguardia. Ma di cosa si occupa nello specifico l’ortodonzia? Ma soprattutto quando è il caso di intervenire?

– Cos’è l’ortodonzia e di cosa si occupa
L’ortodonzia è una branca dell’odontoiatria la quale si occupa, sostanzialmente, di individuare e correggere tutti quei problemi legati all’alluneamento dei denti. Ma dire che l’ortodonzia si interviene solo nel caso di denti storti è estremamente riduttivo, difatti i motivi perché si rende necessario un intervento ortodontico sono molto più seri e complessi.

L’ortodontista interviene nel momento in cui è necessario riallineare i denti rispetto all’osso su cui sono posizionati, ma ha un ruolo fondamentale anche nel correggere e facilitare la crescita corretta delle ossa della bocca al fine che la bocca possa chiudersi correttamente.

Ciò si rende necessario poiché una bocca che non riesce a chiudersi perfettamente porta a diverse conseguenze su alcune funzioni per noi basilari, come ad esempi ola masticazione, la deglutizione fino ad una corretta fonazione. Tuttavia non sempre dei denti non allineati perfettamente vanno a determinare delle occlusioni della bocca. Infatti nella maggior parte dei casi dei denti storti possono avere dei soli effetti a livello estetico oppure per quanto riguarda la cura dell’igiene orali. Questo perché, ovviamente, quando i denti non sono allineati può risultare alquanto difficile riuscire a pulirli correttamente con lo spazzolino.

È facile a questo punto dedurre che prima si interviene e maggiore è la percentuale di successo dell’intervento, non a caso solitamente le prime visite dall’ortodontista vengono consigliate intorno ai sei anni. In questo modo si va a sfruttare il vantaggio che ci si trova di fronte a delle ossa ancora in fase di crescita e di conseguenza sarà molto più facile intervenire. Ma negli ultimi anni la tendenza sta cambiando, infatti sono sempre di più gli adulti che decidono di affidarsi ad un ortodontista per correggere questi problemi di allineamento, scelta prettamente dovuta per acquisire una maggiore autostima, soprattutto quando ci si trova in pubblico.

– In che modo interviene l’ortodontista?
Le tecniche utilizzate oggi dagli ortodontisti sono tra le più moderne e all’avanguardia le quali permettono di correggere tutte quelle disfunzioni dovute ad uno scorretto allineamento o alla presenza di malocclusioni. Fondamentalmente le tecniche ortodontiche prevedono l’istallazione di un corpo estraneo, comunemente chiamato apparecchio. Ad oggi esistono diversi tipi di apparecchi dentali, infatti a seconda del tipo di trattamento necessario abbiamo:

• Apparecchio dentale fisso: costituito da piccole placche di metallo collegate tra loro da fili di metallo elastici. Questo tipo di apparecchio viene fissato dall’ortodontista con del cemento e può essere rimosso al termine del trattamento.

• Apparecchio dentale mobile o invisibile: a differenza di quello fisso questo tipo di apparecchio può essere messo e rimosso tranquillamente. Solitamente questa tipologia di apparecchio dentale viene applicato ai bambini per favorire l’espansione del palato o correggere alcune anomalie legate alla masticazione.

• Espansore palatale: questo strumento viene solitamente utilizzato dall’ortodontista per correggere problemi legati all’affollamento dentale. Infatti l’espansore palatale va a creare dello spazio in presenza di un palato troppo stretto.

– Differenza tra dentista e ortodontista
Solitamente si usa dire che tutti gli ortodontisti sono dentisti, ma non tutti i dentisti sono ortodontisti. Ed è proprio così, infatti per essere abilitato alla professione di ortodontista è necessaria una specifica specializzazione nonché l’iscrizione all’albo. Di conseguenza si può dire che il dentista rappresenta il primo contatto che il paziente ha nel momento in cui si presenta un problema dentale. Successivamente sarà proprio il dentista a valutare se vi è la necessità di un intervento da parte dell’ortodontista.

Tuttavia ciò che è davvero importante sottolineare è l’importanza di rivolgersi sempre ad un personale altamente specializzato, che sia in grado di offrirvi un servizio eccellente. A tal proposito se siete in cerca di professionisti nella zona di Roma vi consigliamo di dare un’occhiata al sito claudiosantori.net, all’interno del quale potrete trovare tutti i servizi relativi all’ortodonzia a Roma e dalla sua equipe composto da personale altamente specializzato, servizi che vanno dall’ortodonzia all’implantologia, sempre agendo nel massimo della professionalità senza mai trascurare la salute ed il benessere di tutti i pazienti.

Da Roma a Civitavecchia? La risposta è Civitavecchia Shuttle Express

La tratta da Roma a Civitavecchia

Quando da Roma occorre spostarsi a Civitavecchia bisogna tener conto delle distanze e scegliere i mezzi più adatti per percorrerle.

Le due località distano in linea d’aria complessivamente 61,81 km e in automobile 79 km. Roma e Civitavecchia sono ben collegate dalla linea ferroviaria, dall’autostrada A12 per chi vuole compiere il percorso in auto e da una rete di autobus extraurbani.

Il treno ha partenze programmate ogni circa 30 minuti e viene considerato tra le soluzioni più comode per viaggiare.

Se si opta per l’automobile si giunge a destinazione dopo almeno un’ora dalla partenza e durante il tragitto si possono incontrare diversi bar, aree di sosta con grandi parcheggi o servizi e distributori di carburante. Oltre a questi metodi tradizionali esiste una modalità per viaggiare del tutto innovativa e che sta riscuotendo un successo rilevante negli ultimi tempi chiamata Civitavecchia Shuttle Express.

Vediamo in breve di cosa si tratta e di tutti i vantaggi associati a questa scelta rispetto all’utilizzo del treno e della classica automobile.

Civitavecchia Shuttle Express

Civitavecchia Shuttle Express ha una lunga esperienza nel settore dei trasporti utilizzando mezzi attrezzati per ogni esigenza.

L’azienda mette a disposizione minivan, autobus turistici e berline di ultima generazione.

I servizi offerti comprendono il trasferimento aeroportuale di sola andata, servizi di navetta condivisi con altri utenti e con orari fissi prestabiliti, trasporti con l’auto privata dal porto, escursioni e tour della città di Civitavecchia.

Gli autobus sono a disposizione per trasportare grandi gruppi di persone ed inoltre sono dotati di grande eleganza e professionalità. Gli autisti sono specializzati e abilitati alla loro mansione con permessi speciali per ogni mezzo in modo da poter operare nel porto della città.

Vengono sottoposti con cadenza annuale a un test psicologico, ad un test antidroga e a uno screening per l’alcol.

Il sistema di prenotazione è semplice e veloce ed è garantito un ottimo rapporto tra la qualità e il prezzo del servizio offerto da questa prestigiosa azienda.

I vantaggi di Civitavecchia Shuttle Express

Civitavecchia Shuttle Express e un’azienda in grado di garantire al cliente una totale soddisfazione.

I mezzi abilitati al trasporto sono sempre minuti delle adeguate licenze e delle misure di sicurezza previste dalla legge.

Il cliente può viaggiare in totale comfort e vivere un’esperienza di viaggio rilassante. Il team è composto da professionisti cortesi, disponibili e specializzati.

I servizi sono previsti per ogni tipo di esigenza anche nell’eventualità di viaggi di piacere dove viene predisposto un tour all’interno della città. Il tragitto da Roma a Civitavecchia può quindi essere percorso con tutte le comodità e ad un prezzo vantaggioso.

Tra i servizi offerti da Civitavecchia Shuttle Express si può anche trovare un’assistenza pronta a ricevere ogni richiesta del cliente o a dissolvere ogni dubbio.

Spostarsi per raggiungere Civitavecchia non è mai stato così semplice e uno dei vantaggi è dato dal sistema di prenotazione rapido ed accessibile a tutti i clienti.

Scopri di più sul sito dell’azienda!

Capodanno a Roma: come festeggiare il 2020 nella Capitale

Natale con i tuoi ,Capodanno con chi vuoi.

Questo il detto popolare che circola in questo periodo per mettersi d’accordo tra parenti ed amici in base a come festeggiare l’attesissimo arrivo del nuovo anno.

Se non avete idee potete decidere di festeggiare nella Capitale in modo del tutto convenzionale con eventi all’aperto in grado di stuzzicare il vostro divertimento e farvi brindare e ballare in totale armonia in compagnia di amici e non solo.
Ma nella notte di San Silvestro non si allestiscono solo ed esclusivamente eventi in piazza ma anche in differenti zone per dare il modo a tutti di festeggiare in qualsiasi parte della cittá.

Gli eventi non finiscono qui

perché per la notte di San Silvestro le tradizioni si mescolano tra culinarie e teatrali per regalare tantissime emozioni.
Il cenone si svolgerá in differenti location e con differenti menù in base a dove si sceglie di trascorrerlo per avere ampia scelta.

Ecco dunque cosa fare e dove a Roma nella sera che scandisce le ultime ore per l’arrivo del Nuovo Anno.

Nella Capitale il cenone si svolge con differenti tipologie di piatti che si preparano in cittá .

Per quanto concerne gli antipasti si é soliti preparare crostate e torte salate con ripieno di differenti condimenti come quello ricotta e spinaci solo per fare un piccolo esempio ,oppure si opta per antipasti di mare come misto fritto.

Per i primi invece si va dalle classiche crespelle ed al risotto di scampi per poi passare ai famosissimi cannelloni fatti con condimenti di mare o di verdure .

Per i secondi piatti,si festeggia o con sapori decisi come quello del Gallo fatto in differenti varianti e dalla frittura di differenti alimenti quali verdura e pesce.

Ma per un cenone di Capodanno che si rispetti,é giusto optare per un classico intramontabile come il cotechino con le lenticchie segno di buon auscipio per l’anno che verrà.

Si concluderà in bellezza

con il dolce che varierá in base ai gusti con differenti ciambelle preparate in casa o con le millefoglie ma se non si gradiscono questi,si puó optare per qualsiasi altro dolce.

Alla fine di qualsiasi cenone é possibile concludere la serata giocando a carte e a tombola o altri differenti giochi e guardando la tv con i suoi vastissimi programmi natalizi che spaziano dai celebri classici film di Natale fino all’ intrattenimento come quello che offrono gli show trasmessi dalle piazze centrali di differenti cittá italiani con ospiti italiani ed internazionali che vi terranno compagnia,consumando nel mentre frutta secca come semi di zucca,nocciole ,ceci secchi o frutta come quella di stagione per fare un piccolo esempio il mandarino.

Non puó mancate infine

un brindisi al nuovissimo anno che busserà allo scoccare della mezzanotte nelle vostre porte e chissà quali emozioni o quali aspetti vi regalerà.

Per non far mancare nulla nella notte del nuovo anno è bene mangiare un cucchiaio di lenticchie ognuno ,per un segno di buona fortuna,sempre secondo tradizioni popolari diffuse in Italia.
L’importanza del Capodanno non è in base a dove lo si passa ma è un sincero augurio di fortuna e serenità da fare a chi lo condivide con voi e non. Scegliete al meglio come passare il vostro Capodanno e godetevi il vostro 2020 al meglio.

Sopracciglia tatuate: dove e come farle

L’arcata sopraccigliare influenza notevolmente l’espressione del volto ed è per questo necessario prendersene costantemente cura. Tuttavia, eseguire ogni giorni depilazione e definizione delle proprie sopracciglia può essere una pratica stancante che può portare via molto tempo. Ma oggi, l’uso di metodi tradizionali come pinzette o matite può essere sostituito dalla tecnica del tatuaggio, una pratica sempre più diffusa grazie ai numerosi vantaggi che offre.

Come è possibile vedere sul sito www.truccopermanente.it, questa tecnica consente di ottenere sopracciglia adatte al proprio viso attraverso un trattamento semplice ma particolarmente efficace.

Ci sono principalmente due tecniche per effettuare il tatuaggio: una basata su un tatuaggio tradizione, che non garantisce però un effetto naturale, mentre l’altra è la cosiddetta dermo-micro-pigmentazione, detta anche tatuaggio ad effetto pelo, che può dare invece risultati più naturali.
In seguito andremo a vedere come funziona il trattamento e per chi è adatto, valutando anche costi e vantaggi.

Per chi sono adatte le sopracciglia tatuate

Le sopracciglia tatuate sono particolarmente adatte a tutti coloro che hanno bisogno di una ricostruzione dell’arcata sopraccigliare che risulta essere danneggiata da alopecia, crescita insufficiente e diradamento.
Tuttavia, può essere adottata anche da chi semplicemente vuole migliorare il proprio sguardo facendolo diventare attraente e affascinante.

Come funziona il trattamento

Le sopracciglia tatuate ad effetto pelo fanno parte della categoria del trucco permanente. Nello specifico la tecnica utilizza la dermopigmentanzione, ovvero la pigmentazione della pelle e della mucosa, effettuata tramite dei sottilissimi aghi da tatuaggio e inchiostri specifici. I pigmenti sono iniettati nella pelle e sono assorbiti dal corpo in circa 12 mesi. Tuttavia è necessario utilizzare solo colori bioassorbibili, non solo per evitare modificazione del colore negli anni ma anche per effettuare correzioni o ripigmentazioni.

Il tatuaggio in questione è molto differente dai normali tatuaggi. Quest’ultimi infatti entrano negli strati inferiori della pelle e possono essere rimossi solo con laser mentre nel caso del tatuaggio delle sopracciglia, pur essendo duraturo, non è definitivo, e dopo un determinato periodo viene assorbito dalla pelle.

Come si esegue il trattamento

Dopo essersi rivolti all’estetista ed aver effettuato la depilazione (non effettuata completamente per non rischiare di eliminare la tridimensionalità) e la definizione dell’arcata sopraccigliare, l’estetista presenterà la bozza del tatuaggio da valutare.

In seguito si effettuerà la micropigmentazione dei micro peli. Probabilmente in questa fase verrà somministrato un leggero anestetico per ridurre il dolore.

Si inizierà con una pulizia della zona che sarà pigmentata, per poi procedere con la colorazione di piccoli tratti che definiranno il disegno attraverso il dermografo per viso e gli aghi. Dopo due mesi dal trattamento, è necessario ripassare il colore, che dovrà poi essere ripassato almeno una volta all’anno.

Dove fare il trattamento e costi

Per questo tipo di interventi è necessario l’aiuto di esperti ed è quindi necessario cercare saloni estetici affidabili oppure è rivolgersi direttamente a centri specializzati.

Il trattamento delle sopracciglia tatuate può avere costi differenti a seconda di vari fattori come il tipo di intervento, la qualità del centro estetico e il grado di professionalità di chi effettuerà il trattamento.

Inoltre il costo può dipendere molto anche dalla tecnologia utilizzata. Ad esempio, strumenti come i dermografi ad alta precisione, usati anche nella tricopigmentazione, possono sicuramente contribuire ad aumentare il prezzo.

In media la cifra si aggira intorno ai 300/500 euro che possono aumentare se ci si rivolge a centri specializzati (circa 600/800 euro). Il costo per il ritocco a distanza dalla prima seduta si aggira invece attorno ai 150 euro circa mentre per il controllo annuale e la ribattuta del colore di solito viene richiesto circa il 50% rispetto al prezzo iniziale.

Benefici delle sopracciglia tatuate

Le sopracciglia tatuate consentono di abbandonare per almeno 1 anno i metodi classici per la depilazione e la definizione delle sopracciglia. Inoltre il trattamento è capace di resistere al sole, al sudore o all’acqua di mare o di piscina.

Tuttavia, un intervento eseguito in maniera poco oculata rischia di far risultare le sopracciglia poco naturali, per questo motivo è fondamentale affidarsi a professionisti che garantiscono una buona riuscita dell’intervento, anche per evitare di incorrere in allergie o infezioni (molto frequenti nei casi di make-up indelebile). Inoltre bisogna sapere che si tratta comunque di un intervento che può risultare doloroso.

Conclusioni

Dopo aver effettuato il trattamento è fondamentale non utilizzare detergenti aggressivi e idratare la zona con crema idratante per almeno 15 giorni. Come abbiamo visto, la tecnica del tatuaggio ad effetto pelo può rappresentare un modo efficace per ottenere sopracciglia che risultano essere il più naturale possibile, un modo semplice ed efficiente per risparmiare tempo e fatica.

Cos’è il facility management?

I titolari delle aziende di produzione avranno sentito parlare sicuramente di facility management.

Oggi infatti, questo concetto riveste una grande importanza all’interno delle organizzazioni produttive.

Tuttavia, non sono tanti gli imprenditori familiari con questo settore e proprio per questo merita di essere approfondito.

Come si potrebbe definire il facility management?

È una branca della disciplina aziendalistica che si occupa di studiare l’integrazione dello spazio fisico, ovvero la sede di svolgimento di lavoro, con le risorse umane e la gestione di ogni azienda.

Le conoscenze in ambito di facility management, applicate alla propria azienda, consentono di progettare, controllare, implementare e gestire il sistema di facilities con maggiore efficienza.

Lo scopo è adottare tecniche adeguate al fine di garantire livelli di servizio ottimali in ambito organizzativo.

Insomma lo studio approfondito di questa branca aiuta in modo strategico le imprese e gli imprenditori a migliorare obiettivamente le performance delle strutture aziendali.

Se vuoi scoprire meglio cos’è la facility management, come funziona e a chi é rivolta continua a leggere questa guida!

Il facility management è una tecnica di direzione aziendale improntata su un approccio integrato.

Consiste nell’implementazione in azienda di aspetti analitici, strategici e gestionali-operativi.

Il primo aspetto riguarda una buona strategia.

Gli esperti di facility management, ovvero i facility manager, individuano politiche di gestione volte a distribuire meglio le risorse per supportare nel medio-lungo periodo gli obbiettivi corporate.

Il secondo aspetto importante del facility mangement è un approccio analitico.

Si tratta di elaborare nel dettaglio modi e mezzi di gestione volti a migliorare la gestione di servizi. Infine, il terzo e ultimo componente di una strategia volta a implementare sul facility management è investire su sistemi e procedure che accelerino e inoltre, migliorino in termini di efficacia ed efficienza la produzione nell’azienda.

In particolare si tratta di attuare sistemi di controllo, mezzi di supervisione e tecniche moderne per ridurre il consumo energetico.

In ogni caso, il segreto per ottenere i massimi risultati dal facility management è puntare su approcci personalizzati.

Le imprese che vogliono modernizzarsi e accrescere la loro efficienza sul mercato devono dare maggiore importanza al facility management e investire maggiori risorse finanziarie in questo settore.

Un corretto approccio al facility management di un’azienda mira a implementare in modo integrato l’aspetto strategico, quello analitico e quello operativo-gestionale.

Tutto questo richiede il possesso di specifiche conoscenze e, possibilmente, di esperienza nel settore.

Il facility manager ha un ruolo chiave all’interno dell’azienda visto che dirige i processi di innovazione e crescita e aiuta a migliorare costantemente l’efficacia e l’efficienza della sede aziendale e l’interazione del personale con essa in moda da incrementare la produttività.

Visto che non sempre è facile nell’azienda personalizzare il progetto di riqualificazione e gestione degli impianti si può ricorrere anche a servizi di consulenza esterna come quelli forniti da SMI Technologies and Consulting

Il servizio di consulenza di esperti di facility management è in grado di suggerire all’azienda quali sono le tecnologie e le altre strategie da adottare per studiare un piano ottimale.

Perché è importante fare attività fisica

“Mens sana in corpore sano”.

Quante volte avete sentito questa frase?

Questa citazione è stata scritta da Giovenale che l’ha inserita nelle sue satire nel I secolo d.C., eppure ancora oggi, dopo tanto tempo, si usa di frequente perché è più attuale che mai.

Ora che la vita è frenetica e stressante è fondamentale cercare e trovare un equilibrio psico-fisico.

L’attività fisica, non solo intesa come sport, permette di acquisire il benessere del corpo e quello della mente aiutando le persone a liberarsi dallo stress e dalle tensioni che si accumulano nel quotidiano. Secondo ricerche mediche, bastano 30 minuti al giorno di attività per migliorare la qualità della vita di un individuo.

Per questo motivo si dovrebbe praticare più movimento tutti i giorni assumendo, in questo modo, abitudini più sane.

Passare da uno stile di vita sedentario a uno più attivo comporta piccoli cambiamenti nelle consuetudini come fare le scale, evitare di utilizzare la macchina per brevi tragitti, andare a lavoro a piedi quando è possibile, usare la bicicletta o concedersi delle passeggiate.

Nonostante si faccia fatica a trovare tempo per svolgere un’attività fisica, i benefici che ne derivano sono innumerevoli.

  • Riduce lo stress. Il tempo dedicato all’attività fisica è un periodo in cui si cura se stessi, in cui ci si stacca dalla quotidianità e dai problemi. Inoltre, durante l’esercizio fisico, vengono rilasciate endorfine, molecole prodotte dal cervello, che aumentano lo stato di equilibrio generale perché funzionano come un calmante facendo sentire l’individuo più sereno e rilassato.
  • Favorisce il buonumore facendo aumentare la produzione di serotonina, un neurotrasmettitore prodotto nel cervello detto anche ormone del buonumore, che provoca una sensazione di benessere generalizzato.
  • Aumenta l’autostima. Fissare dei traguardi, raggiungerli e superarli provoca soddisfazione, alimenta l’orgoglio e l’autoconsapevolezza. Quando si incomincia a praticare uno sport, spesso inizialmente si fa fatica perché lo sforzo richiesto sembra enorme, ci si sente demotivati, non all’altezza, ma basta perseverare per riuscire, in breve tempo, a raggiungere risultati inimmaginabili e questo provoca un senso di soddisfazione impagabile.
  • Aumenta la qualità del sonno.La riduzione dello stress e l’aumento del benessere fisico riducono l’insonnia, permettono di addormentarsi prima e di aumentare il tempo di sonno profondo.
  • Riduce il rischio di malattie cardiovascolari. Fare sport fortifica il cuore e migliora la circolazione perché provoca una diminuzione del livello dei trigliceridi. Questi fluidificano il sangue prevenendo e diminuendo il rischio di malattie cardiovascolari come ischemie e infarti.
  • Aumenta il livello di HDL, o colesterolo buono facendo abbassare quello di LDL, il cosiddetto colesterolo cattivo, che tende ad accumularsi sulle pareti dei vasi sanguigni provocandone il restringimento. La diminuzione del diametro è responsabile di numerose malattie tra cui quelle cardiocircolatorie e l’arteriosclerosi.
  • Incrementa la produzione di energia. Favorendo un migliore funzionamento del sistema circolatorio permette una maggiore ossigenazione e un più alto apporto di nutrienti ai tessuti. In tal modo aumenta la produzione di energia utilizzabile dall’individuo.
  • Controlla il peso. Il movimento permette, non solo di bruciare calorie contenendo così il peso o eventualmente riducendolo, ma attiva anche il metabolismo aumentando il consumo energetico giornaliero e favorendo lo sviluppo della massa magra a discapito di quella grassa.
  • Migliora la sessualità. Sentirsi meglio con il proprio corpo, avere una maggiore fiducia e considerazione di sé stessi, piacersi di più, porta a vivere anche la sfera intima in maniera più disinvolta.
  • Rafforza articolazioni e ossa. Diminuisce il rischio di infiammazioni perché rafforza i legamenti e i muscoli riducendo la minaccia di lesioni.
  • Previene i comportamenti a rischio. Soprattutto nei giovani è utile convogliare le loro energie e la loro attenzione verso attività sportive che permettano loro di conoscere meglio se stessi, di aumentare la propria autostima e che li tengano lontani da mode pericolose come l’assunzione di alcool, di droghe o l’uso di tabacco favorendo, invece, lo sviluppo di un tenore di vita sano.
  • Favorisce la socializzazione. Molti sport si praticano in coppia o in gruppo e questo permette di favorire l’instaurarsi di nuovi rapporti. Inoltre l’attività fisica crea occasioni di aggregazione, di confronto con gli altri e momenti di divertimento in compagnia.
  • Previene l’Alzheimer. Ricerche scientifiche hanno dimostrato che l’esercizio fisico promuove il turnover di neuroni nella regione dell’ippocampo che è la prima a mostrare i segni della malattia.

Conclusioni

Ogni giorno si è impegnati in mille attività, spesso si corre da un luogo ad un altro arrivando a fine giornata stanchi e stressati. Praticare attività fisica permette di ritagliarsi uno spazio in cui prendersi cura di sé stessi e liberarsi dalle tensioni accumulate.

Rilassarsi aiuta ad affrontare gli impegni quotidiani con uno spirito diverso e riuscire a gestirli meglio.

Oltre ad un innegabile beneficio psichico, permette di sentirsi anche meglio con sé stessi e nel proprio corpo, di essere più dinamici, di avere più energia e di riuscirla ad utilizzare in modo migliore. Vale la pena di provare, prendi le scarpette e dedicati a te.

PC vs Mac: quale alternativa fa per te?

La diatriba tra i possessor dei Pc e quelli dei Mac prosegue oramai da molti anni.

Ognuna delle due categorie ovviamente porta acqua al suo mulino, decantando le qualità dell’uno e dell’altro prodotto.

In realtà entrambe le fazioni hanno di fatto ragione perché ad ogni scopo esiste lo strumento adeguato per raggiungerlo e ciò che per alcuni può risultare come un pregio, per altri può essere un vero e proprio limite.

In questa battaglia PC vs Mac, quale alternativa fa per te?

Scopriamolo insieme PC: quali pregi e quali difetti Cominciamo l’analisi dei Pc prendendo in considerazione un aspetto primario, quello che buona parte degli utenti prende in considerazione nel momento in cui ne prende in considerazione l’acquisto: il prezzo Quest’ultimo solitamente difatti risulta inferiore rispetto ai Mac e in alcuni casi anche di parecchio.

Su un computer di questo tipo si può di fatto installare qualsiasi sistema operativo, si tratti di quello a pagamento Microsoft Windows o di Linux in una delle sue molteplici distribuzioni gratuite.

Reperire software per Windows è più semplice rispetto a quelli per Mac, meno per Linux. Nel primo caso le licenze acquistate per l’S.O. possono essere riutilizzate su altre macchine (previa disinstallazione).

Nel secondo caso sistema operativo e programmi sono del tutto gratuiti e a caval donato non si guarda in bocca dal momento che tale costo spesso grava parecchio su quello del computer stesso.

Altro punto a favore dei computer, e la possibilità di upgrade offerta. Vuoi una scheda video più prestazionale?

Ti sarà possibile cambiarla verificandone chiaramente la compatibilità con la tua scheda madre.

Anche la fase del montaggio stesso è piuttosto semplice. Il medesimo discorso vale per le memorie Ram, per l’Hard Disk e per qualsiasi altro componente.

Di fatto un computer potrà “seguirti” nel corso degli anni grazie agli aggiornamenti Hardware e Software che potrai apportare.

Un aspetto negativo dei computer?

Corrisponde anche con uno dei suoi pregi, e cioè il sistema operativo installato. Senza entrare nel merito dell’indiscutibile qualità dei sistemi Windows difatti, questi sono progettati per funzionare su milioni di macchine differenti al mondo.

Questo, se da una parte può essere un palese fattore positivo, dall’altra è anche un limite, perché tale sistema sarà ottimizzato in maniera generica, quindi andrà messo a punto per la specifica macchina, fase che richiede delle buone competenze.

Questo, come vedremo è invece il pregio dei computer Mac.

Computer Mac: quali sono i pregi e i difetti? I computer Mac possono essere definiti come lo specchio dei computer tradizionali con altri sistemi operativi installati. Per intenderci si parla di prezzi all’acquisto decisamente più elevati anche a parità di hardware installato sulla macchina.

Il motivo?

Apple con i suoi Mac è un brand di successo, in grado di stabilire l’andamento del mercato stesso esattamente come accade nella telefonia con gli iPhone. In questo prezzo è contemplato quindi anche il fatto che la “moda” dei Mac non termina mai.

Di contro però è opportuno specificare che la determinata versione di iOS installata, è ottimizzata per quella specifica macchina, rendendo di fatto il sistema operativo stesso più fluido e meno soggetto agli errori tipici del mondo Windows.

Tra i limiti hardware che spesso è possibile trovare sui Mac, è anche l’assenza di determinate porte di connessione utilizzare invece da tutti gli altri produttori.

Apple cerca sempre di imporre i suoi standard, con l’obiettivo di vendere solamente i suoi accessori. In alcuni casi ci riesce in questa impresa di imporre lo standard, in altri no.

Ulteriore pregio innegabile dei computer Mac è l’indiscutibile qualità di assemblaggio dei componenti.

I Mac sono belli da vedere, sono solidi e ben costruiti. Su questo non si discute.

Computer vs Mac: come scegliere?

La risposta alla domanda in oggetto è più semplice di quello che tu possa credere: in base alle tue esigenze. Per chiarirci meglio, se l’utilizzo che andrai a fare del computer sarà prettamente domestico, quindi navigazione internet, con programmi da ufficio o per giocare, probabilmente la scelta corretta potrebbe ricadere sul computer.

Per gli utilizzi domestici difatti ci sono in commercio computer molto economici che ben si sposano a tale scopo.

Per i gamers invece, il mondo dell’hardware è talmente vasto che al momento non c’è battaglia con Apple.

Nel caso invece i tuoi scopi fossero professionali, quindi di foto, audio e video editing, probabilmente la scelta migliore sono i computer Mac.

In questi settori occorre un sistema operativo che non dia tentennamenti, che non si “impalli” nel momento sbagliato e dei software correttamente ottimizzati a tal proposito.

Da sempre coloro che utilizzano il Mac per tali scopi sostengono la tesi che questa tipologia di software giri meglio sui sistemi operativi iOS ed effettivamente hanno ragione. Riassumendo, scegli sulla base dell’utilizzo che ne andrai a fare, agendo con obiettività e non sulla base delle tendenze del momento.

Cos’è il pilates e quali sono i suoi benefici?

Dopo una settimana di lavoro o dopo una lunga tormentata giornata l’uomo necessita di scaricare la propria tensione in palestra dedicandosi, talvolta, anche a qualche corso da esso messo a disposizione.

Tra i corsi di allenamento più gettonati in Italia vi è il pilates, una tecnica utilizzata per modellare tutto il corpo e renderlo più fluido.

E’ possibile accedere ai corsi o ai servizi anche attraverso il sito www.fusolab.net.

Questa disciplina è ottima anche per i sedentari desiderosi di ritrovare la propria forma fisica, soprattutto perché non richiede sforzi violenti. Il pilates è un tipo di allenamento che non tutti possono praticare.

Prima di iniziare un percorso e fissare un obiettivo, è necessario analizzare i problemi del proprio corpo per non arrecare ulteriori danni. Per questo motivo tutti quelli che vorranno iscriversi a questo genere di corpo dovranno presentare all’istruttore il certificato di idoneità fisica prescritto dal medico curante.

Il pilates è un sistema di allenamento mirato a rafforzare e modellare il corpo, correggere la postura e migliorare la precisione dei movimenti.

Grazie ad una serie di esercizi, svolti o alla macchina o a terra, si può accrescere la massa muscolare e migliorare l’addome. Esistono circa cinquanta tipi di esercizi, i quali dovranno essere svolti stando attenti e rispettando delle regole ben precise.

Come citato prima, il pilates può essere eseguito o a corpo libero a terra oppure con l’ausilio di una macchina.

Chi non è intenzionato ad utilizzare le macchine, le quali sono più complesse e richiedono più resistenza, sarà possibile utilizzare la palla, il ring, rullo e bande elastiche.

Tra le macchine più gettonate troviamo quella in legno che aiuta ad allungare la muscolatura ed aumentare la resistenza.

Chi ha raggiunto un certo livello di dimestichezza con il corpo grazie all’uso delle macchine, riuscirà senz’altro a svolgere determinati esercizi impossibili da fare a terra.

Gli esercizi svolti a corpo libero, a terra con un tappeto, aiuteranno il corpo ad accrescere la massa muscolare ma anche a rendere l’addome piatto e a tonificare il corpo.

Il pilates aiuta il corpo e la mente a rilassarsi e a prendere consapevolezza dei propri limiti.

Grazie ad alcuni esercizi mirati, il pilates aiuta il corpo a ritrovare e a migliorare la propria postura e fluidità nei movimenti prendendo padronanza del fisico.

Il corpo verrà sottoposto a sforzi notevoli e, con l’aiuto di bande elastiche e altre attrezzature messe a disposizione durante i corsi, il muscolo verrà tonificato e l’addome diverrà piatto.

Indicato anche per chi soffre di dolori cronici, migliora l’equilibrio, aumenta l’autostima, libera da stress e favorisce la circolazione.

E’ sconsigliato a chi è in dolce attesa, chi soffre di cervicale o mal di schiena. Per quanto possa giovare alle donne in gravidanza dato che il pilates richiede uno sforzo tale da causare eventualmente l’aborto spontaneo.

Per tutti quelli che soffrono di mal di schiena o cervicale dovranno evitare di svolgere determinati esercizi per non aggravare la situazione e ottenere l’effetto opposto da quello desiderato.

Skin care: quale fa al caso tuo?

L’importanza della skincare ha lo scopo non solo di rendere una pelle migliore e quindi per una questione di salute, ma anche per perfezionare il trucco.

Infatti una pelle ben idratata, sana e libera da tutti gli aspetti negativi, tenderà ad apparire compatta, morbida e luminosa.

Per una corretta skin care bisogna utilizzare prodotti di ottima qualità e soprattutto prodotti che abbimao un alto contenuto di acqua.

Nonostante ciò ci sono alcune persone che ritengono che la skin care sia una perdita di tempo, non considerando però quando la pelle non è idratata si vanno ad accumulare delle tossine favorendo la formazioni di comedoni, punti neri e acne, oltre che a farla diventare grassa. Andiamo a vedere nel dettaglio che cos’è la skin care.

Per skin care intendiamo una delle azioni che va fatta ogni giorno per rendere la pelle più sana. Infatti ottenere una pelle perfetta con una skin care fatta bene è possibile grazie ad alcune regole fondamentali:

  • Idratazione continua ogni giorno, mattina e sera;
  • Idratare la pelle utilizzando una crema che la rende liscia e morbida più a lungo e che la protegga da agenti esterni;

Queste sono le regole fondamentali, ma ovviamente ogni persona ha un tipo di pelle diverso come:

  • pelle secca: i prodotti da utilizzare per la pelle secca devono essere ricchi di acqua proprio perché devono riuscire a proteggere le pelle secca da fonti esterne;
  • pelle grassa: per la pelle grassa bisogna usare prodotti che aiutano a regolare il sebo e che la detergono con composti equilibranti;
  • pelle mista: per la pelle mista la skin care va fatta spesso proprio per poter riequilibrare le cellule della pelle e utilizzare dei prodotti adatti a quel tipo di pelle e ciò prodotti per la pelle grassa (fronte e naso) e prodotti per la pelle secca (guance e contorno occhi).
  • pelle normale: non si usano prodotti ma deve essere sempre mantenuta pulita;
  • pelle matura: per la pelle matura, è necessario fare una skin care quotidiana aggiungendo prodotti che vanno a penetrare in profondità e che rendano la pelle elastica e giovane.

Anche struccarsi fa parte di una skincare quotidiana e bisogna farlo prima di andare a coricarsi e la mattina dopo appena sveglie.

Inoltre almeno per una volta a settimana bisogna fare uno scrub usando prodotti in base al tipo di pelle che si ha, con lo scopo di andare a eliminare le cellule morte e favorire la crescita delle nuove cellule; mentre per almeno due volte a settimana idratare la pelle usando delle maschere che aiutano a riaprire i pori che si ostruiscono con le tossine.

Qual è la skincare più adatta ad ognuno di noi?

Come abbiamo già accennato precedentemente, la skincare è una delle più importanti attività che una donna deve fare ogni giorno per poter avere una pelle liscia, e sana ma soprattutto libera da comedoni, punti neri e acne.

Fino ai 25 anni la nostra pelle sembra pulita e luminosa ma da questo momento in poi bisogna cominciare a proteggerla da fonti esterne, da raggi uv e da smog. Mnetre dopo i 30 anni bisogna agire in questo modo:

  • Detergere la pelle ogni mattina utilizzando un sapone neutro o magari latte detergente utilizzando un dischetto i cotone;
  • Idratare la pelle con prodotti semplici e non con prodotti che la rendono pesante;

Dopo i 30 anni invece, dato che le cellule della pelle cominciare a invecchiarsi, cominciano a comparire le prime rughe.

Proprio in questo periodo bisogna cominciare ad usare prodotti anti-età ovvero prodotti che vanno a rimpolpare la pelle e dunque preparare un buono strato per gli anni a seguire.

Per evitare tutto ciò almeno una volta a settimana bisogna utilizzare una maschera esfoliante per favorire un’azione idratante.

Dopo i 45 anni, si cominciano a fare vedere i segni della pelle che diventano più profondi, il viso non è più compatto e la zona degli occhi non è più definita.

Oltre a tutte le regole che abbiamo detto finora, bisogna utilizzare una crema anti età per dare appunto tonicità alla pelle e utilizzare anche un siero che va applicato agli occhi.

Dopo i 60 anni, la pelle cambia totalmente, tra ormoni e menopausa la pelle non è più elastica proprio grazie all’assenza del collagene. Dunque bisogna nutrire il viso in maniera molto più profonda utilizzando prodotti di alta qualità e clinicamente testati.

Qual è la skin care che fa al caso tuo?

Dunque se vi state chiedendo se esiste una skincare che fa al caso tuo la risposta è si.

Questo però solo seguendo attentamente tutti e tre i passaggi ovvero pulizia, tonificazione e idratazione, con lo scopo di farla funzionare al meglio e non danneggiarla.

Per concludere bisogna dire che ultimamente si parla molto di skincare verde ovvero quel tipo di skicare fatta utilizzando prodotti biologici e cioè prodotti privi di siliconi, parabeni, paraffina e altre sostanze chimiche che vanno a danneggiare la pelle.

Come imparare il microblading? Ecco i migliori corsi a Roma

L’aspetto estetico è, al giorno d’oggi, molto importante per una donna. Le sopracciglia sono diventate la cornice di un volto e, per questo motivo, sono nate tantissime tecniche estetiche per la cura di quest’ultime come il microblading.

Il ruolo delle sopracciglia

Le sopracciglia sono la cornice di un viso e donano sguardo e carattere ad ognuno di esso.

Non sempre sono ben curate e in ordine, soprattutto per chi vive non ha tempo da dedicargli a causa della vita frenetica di tutti i giorni ed i suoi relativi imprevisti.

Sul mercato esistono tantissimi prodotti per la cura delle sopracciglia come le matite delle tonalità dei capelli, gel sopracciglia o hennè ma non tutti sono capaci ad utilizzarli.

Per questo motivo è nata la tecnica del microblading che permette di migliorare l’aspetto delle sopracciglia di una donna sin dalla prima seduta.

Non si tratta di un trucco permanente, quale può essere ad esempio un tatuaggio, ma di un trucco semipermanente svolto con una tecnica ben precisa che si occupa di disegnare le sopracciglia pelo per pelo per un effetto più naturale.

La differenza tra tatuaggio e microblading

Per la cura delle sopracciglia si ricorre a due tipi di tecniche estetiche: il tatuaggio e il microblading.

Il tatuaggio è permanente, ciò significa che il pigmento viene inserito sotto la pelle della cliente attraverso un ago sterilizzato.

Il colore che viene iniettato sotto la pelle, in profondità, non va via con facilità e tende a sbiadirsi nel corso del tempo.

Per ottenere le sopracciglia di un colore adatto è necessario che il tatuatore non utilizzi un pigmento di colore rosso dato che tende a rilasciare macchie sull’epidermide nel corso degli anni.

E’ necessario sottoporsi a vari ritocchi nel tempo per avere sempre un risultato ottimale.

Il microblading, invece, è una tecnica che inietta nel pigmento in una parte più superficiale della pelle: l’epidermide.

Con il passare degli anni, in base al tipo di pelle del cliente, il pigmento tende ad andare via completamente in base a diversi fattori quali l’esposizione al sole e l’utilizzo di farmaci.

Il risultato è naturale e, a differenza del tatuaggio, può essere ripreso con i ritocchi oppure no.

Costi e manutenzione

Molti centri estetici consigliano sempre due sedute di microblading: una per la forma e il rilascio del pigmento, la seconda per il mantenimento.

I costi della prima seduta variano dai 350 euro ai 450 euro, a seconda del centro estetico scelto e alle varie offerte di lancio proposte da quest’ultimi.

La seconda seduta serve per capire se il disegno alle sopracciglia deve essere ripreso ed, eventualmente, ritoccato e di solito costa 100 euro.

Il microblading tende a sbiadirsi nel tempo, perciò è fondamentale sottoporsi negli anni al ritocco estetico che costa circa 200 euro.

A differenza della prima seduta, il ritocco non fa male ed è indolore grazie ad una crema anestetizzante che viene applicata prima dell’utilizzo dell’ago.

Da ricordare che quando l’estetista utilizza l’ago va ad incidere la pelle, quindi è fondamentale curare la zona con diverse creme per facilitare la caduta delle crosticine.

Le controindicazioni del trucco semi-permanente Non tutte le donne possono sottoporsi al trucco semi permanente per evitare la nascita di problemi di salute.

E’ sconsigliato alle donne in gravidanza, quando vi è presenza di nei o cicatrici nelle zone da trattare, vi è la presenza di infezioni cutanee o dermatiti in corso, persone diabetiche o in terapia insulinica, persone in trattamento con chemioterapia, persone che hanno iniziato a curarsi con aspirina o antifiammatori, immunodepressori o per chi ha del silicone iniettato nelle labbra.

A volte i coloranti possono provocare delle reazioni cutanee abbastanza gravi.

Corsi per microblading a Roma

Molte ragazze decidono di trasformare la loro passione per l’estetica in un vero e proprio lavoro.

Questo lavoro viene considerato una vera e propria arte. Esistono tantissimi corsi per imparare il microblading in Italia, ma i migliori si trovano nella capitale.

Come il sito www.jurgitajasiunaite.com, i corsi offerti a Roma dal centro ‘La maison della bellezza’ offrono una preparazione completa insegnando le tecniche più interessanti e all’avanguardia.

I prodotti messi a disposizione per le alunne iscritte al corso sono tra i più prestigiosi sul mercato e garantiscono la massima qualità.

Per iscriversi a corso è importante contattare il centro per email o mediante il loro numero di cellulare in modo da poter ricevere il modulo da compilare e versare il primo acconto.

Come imparare il microblading?

Il percorso di apprendimento per la realizzazione del microblading è abbastanza lungo e tortuoso.

La professionalità e la voglia di imparare saranno i due must have necessari per apprendere al meglio questa tecnica innovativa non ancora diffusa in Italia.

Questa tecnica non è semplice, soprattutto perchè si fa a disegnare le sopracciglia di una persona iniettando del pigmento sotto pelle

. Il corso base di microblading permette all’alunno di imparare, sia studiando sia mettendo in atto, questa tecnica per poi accedere ad un corso avanzato per iniziare a lavorare sulla pelle delle clienti.

Il corso si conclude con un attestato di partecipazione e con il riconoscimento di essere diventato uno specialista di microblading.